La porta “del passato”

La porta del passato
Condividi Ora l'Articolo:

La porta, del passato. Quella accanto, quella di fronte. Soglia come uscio, come uscire, come lasciarsi andare, come lasciare andare. Come andare incontro a ciò che succede. C’era un tempo in cui ero stata abituata a vivere le porte, soprattutto le nostre, per essere aperte, per accogliere e lasciare entrare la luce, il vento, gli altri. Noi. Un continuum di casa, senza muri, di fatto. 

Ci sono persone che hanno dentro di sé una luce enorme, abbagliante, riempitiva, ingombrante, anche, ma unica e rara, che neppure loro stesse conoscono a fondo. Come te. Dopo di te, raramente mi è capitato di viverla, così sulla pelle.

Come quelle porte che hanno una riga di luce sotto e restano chiuse e non sapranno mai quanto bagliore potrebbero mostrare se venissero aperte, potendo ritornare indietro.

La porta “del passato”

Ci sono persone che entrano nella tua vita solo per ricordarti di chiudere la porta a chiave più spesso. Quante porte abbiamo aperto, poi chiuso, ma sempre riaperto in oltre dieci anni. A chiave, socchiuse, spalancate, ma il verbo “aprire” e “fare entrare” era il filo che ci univa. Noi, le case, le porte, gli affetti, Minou, poi Milady, quante persone sono entrate, di quante illusioni abbiamo vissuto, abbiamo sbagliato a fidarci o, forse, non abbiamo avuto il coraggio di “smontare” le nostre paure sulla realtà.

Dopo di te, di noi, la misura di certi giorni sono le scale che salgo faticosamente, lo sguardo basso e la chiave che non gira nel modo giusto nella porta. Lo sguardo sempre rivolto all’indietro, come a cercare ancora quella vita, quella storia, quelle abitudini con le quali mi sentivo al centro del Mondo.

Chiudere la porta

Hai chiuso davvero una porta quando non ti importa più sbirciare dalla serratura, di accusare ogni rumore come boomerang, di farti graffiare il cuore da chi entra “dopo di te”. Sì, perché è  estenuante bussare, idealmente, a una porta che non si apre. Ma lo è di più tenere aperta una porta in cui nessuno entra: tu.

Oggi, da più parti, mi sono arrivate queste parole di amore, di fede, di speranza per me: «mettere insieme i pezzi, smettere di guardare indietro, ma guardare solo avanti. Le cicatrici hanno valore perché parlano della nostra battaglia interiore. Non vergognarsi delle proprie debolezze, non nasconderle, ma usarle per rafforzare la nostra forza. E, soprattutto, perdonare, essere pace e in pace».

«Guarda avanti»- mi è stato ripetuto – per guarire.

dopo di te

Aprire 

Quella porta, si è aperta, nuovamente, mi ha svegliata di mattino presto. Rumori molesti e la stessa violenza. Sono entrata dentro, come l’ultima volta, quasi estranea e abusiva – come loro – di tanta “bruttezza della tua non casa”. Mi sono immaginata te e questo pensiero «non aprire mai le porte a coloro che le aprono anche senza il tuo permesso». Sono uscita, col nodo in gola, e portandomi via due oggetti, ricordi di viaggi insieme, ma alla fine sono solo cose, il legame inattaccabile e inviolabile è il cuore, nel cuore. 

Ci sono pensieri – come questi – che ti rimbombano dentro come una porta sbattuta. O una mai aperta.

Ho chiuso con le illusioni, ma queste continuano – testarde – a cercare di buttar giù la porta.

Voglio imparare ad aprire la porta e dietro trovare te. Non aver paura del vuoto, del prima e del dopo, ma sentire “casa”, ogni giorno, nel cuore. Non sono pronta ad assistere al trasloco, a chi verrà, se rimarrò qui, ma so che voglio guarire, guardare avanti, senza essere più ostaggio del passato. Voglio continuare il mio viaggio, sentendo la bellezza che hai lasciato, in queste case, dentro la mia vita, senza soffocare nell’abbandono. Ci riuscirò? Sì, me lo devo. Te lo devo. Eppure, mi manchi e mi mancano i nostri abbracci di “famiglia”. E, alla fine, il “tutto insieme”: è solo la prima delle altre porte “di casa” che si stanno chiudendo.

Si dice che la porta sia la parte più lunga di un viaggio – Porta itineris dicitur longissima esse.


Condividi Ora l'Articolo:

6 Comments

  • Guglielmo 7 mesi Ago

    Bellissimo, ma adesso alza quello sguardo, smettila di guardare indietro, conserva i Tuoi ricordi nel cuore ma, libera la mente, sgombrala dal peso delle porte pesanti da aprire o chiudere, rialza lo sguardo e sorridi , sorridi con gli occhi, il resto arriverà.

    Rispondi

  • Ascari Monica 7 mesi Ago

    Scrivi ,parole che toccano il cuore …..guarda avanti milly sempre

    Rispondi

  • Capillupo Manuela 7 mesi Ago

    Il tempo
    non fa sconti
    a nessuno. .
    Ama ancora ,buttati a capofitto in ogni cosa che ti dia emozioni.Non guardare indietro , apri porte nuove , vai avanti con la determinazione e forza di sempre.La vita ci riserva sempre meravigliose sorprese quando apriamo le porte del cuore a nuove persone e percorsi sconosciuti.Anche se a volte capiterà ancora di soffrire , avrai vissuto e provato emozioni .Purtroppo niente e nessuno ci mette al riparo di alcune tempeste.Ci sarà un arcobaleno anche per te.

    Rispondi

Lascia un commento